La Spezieria all’Ercole d’Oro: gioiello nascosto tra le calli di Venezia

La tradizione profumiera veneziana ha origini antichissime. La leggenda narra che fu Teodora Ducas, figlia dell’imperatore di Bisanzio e moglie del Doge Domenico Selvo, a diffondere l’amore per le essenze tra le nobildonne, al suo arrivo in Laguna. Nel XVIII secolo la città diventa uno dei centri più importanti del commercio di profumi e prodotti farmaceutici, grazie all’importazione da parte dei mercanti, di spezie e olii essenziali dall’Oriente.
E’ in questo contesto che la Spezieria all’Ercole d’Oro – aperta nel 1650  –  visse un momento di grande fulgore e successo di pubblico. All’epoca le farmacie non erano esclusivamente un luogo di acquisto, ma anche di ritrovo e incontro, dei veri salotti conviviali dove si discuteva di scienza, arte, politica. Da ciò deriva la grande importanza data agli arredi e alla decorazione di questi luoghi.

La Spezieria all’Ercole d’Oro venne completamente ristrutturata nel 1848 ed oggi si presenta in tutto il suo antico splendore, opulento e barocco. I mobili sono in radica di noce, così come le boiserie, e la ricchezza del dettaglio di volute, cornici e timpani resta impressa per la qualità della manifattura. Decorano le pareti quattro statue di Pietro Zandomeneghi, che rappresentano allegoricamente la Botanica, la Medicina, la Chirurgia e la Fisica.
La Spezieria negli anni accolse presso di sé valenti chimici e farmacisti, come Giovanni Girolamo Zannichelli, diventato celebre per aver inventato le “Pillole del Piovano”, rimaste in produzione fino al 1975. Di esse, che si disse vennero in realtà create dal parroco della vicina chiesa di Santa Fosca, si occupò anche il Governo della Serenissima, difendendole, nel 1701, da  “fraudolente falsificazioni”.
Oggi la Spezieria ospita The Merchant of Venice, boutique di essenze preziose ed esclusive, che dal 2013 ha avviato un progetto di recupero del valore storico di questi luoghi e della tradizione profumiera veneziana.

Articolo di Barbara Palladino

Photos via:
https://www.esquire.com/it/stile/bellezza-uomo/a13786408/merchant-of-venice/
http://www.themerchantofvenice.com
https://www.venetosecrets.com/lusso/the-merchant-of-venice/
http://www.spettacolinews.it/merchant-venice-20140545815.html
https://www.histouring.com/strutture/spezieria-all-ercole-doro/
https://www.facebook.com/themerchantofveniceparfums

La Spezieria all’Ercole d’Oro: gioiello nascosto tra le calli di Venezia

Cannaregio 2233
Strada Nova, Santa Fosca
+39 041 720600

WEEKLY POSTCARD

Most Read

Sulle piste delle Dolomiti, l’après-ski di LOOX

Di Barbara Palladino LOOX è il locale dedicato all’après-ski presso la stazione a valle dell’area sciistica ed escursionistica Obereggen Latemar, sulle Dolomiti. In una location unica,...

I mirabili affreschi gotici medievali dell’Oratorio di San Pellegrino

L'Oratorio di San Pellegrino si trova nella frazione di Bominaco, non lontano da Caporciano, in provincia de L'Aquila. Fu probabilmente edificato dall’abate Teodino nel...

LUMEN: museo della fotografia a 2.275 metri di quota

Di Barbara Palladino Siamo sulla cima di Plan de Corones, vicino a Brunico (Bolzano). In un luogo incantato come solo la montagna può esserlo, ha...

Teste di moro: leggenda di un amore universale

Di Barbara Palladino Le “teste di moro” sono vasi variopinti, in ceramica, raffiguranti il volto di un uomo o di una donna, con una solenne...