Gagini Social Restaurant, semplicità e raffinatezza

Si racconta che Antonello Gagini – scultore palermitano vissuto tra il XV e il XVI secolo – a un certo punto della sua carriera fosse in grado di far lavorare due botteghe nel capoluogo siciliano: una presso il Duomo, l’altra nelle vicinanze del porto, da dove le sue opere partivano per varie destinazioni siciliane e calabresi.

Quest’ultimo laboratorio dell’artista rinascimentale (che Vasari definì “scultore rarissimo”), nelle vicinanze della Vucciria, uno dei più noti mercati palermitani, ospita oggi il Gagini Social Restaurant.

La vocazione popolare di questa zona di Palermo non poteva non influire sul concept del locale, il primo ristorante social della città, dove persone provenienti di ogni parte del mondo siedono insieme a tavola condividendo le proprie storie e le proprie emozioni.

Uno speciale luogo di incontro tra arte e vita, dove la semplicità dei rapporti umani e la raffinatezza di una cucina ricercata e fantasiosa si fondono felicemente.

Photos via:
http://www.gaginirestaurant.com

Gagini Social Restaurant (1)Gagini Social Restaurant (3)Gagini Social Restaurant (4)Gagini Social Restaurant (5)Gagini Social Restaurant (6)

Gagini Social Restaurant, semplicità e raffinatezza

Palermo
Via Cassari, 35
+39 091 589918

WEEKLY POSTCARD

Most Read

Sulle piste delle Dolomiti, l’après-ski di LOOX

Di Barbara Palladino LOOX è il locale dedicato all’après-ski presso la stazione a valle dell’area sciistica ed escursionistica Obereggen Latemar, sulle Dolomiti. In una location unica,...

I mirabili affreschi gotici medievali dell’Oratorio di San Pellegrino

L'Oratorio di San Pellegrino si trova nella frazione di Bominaco, non lontano da Caporciano, in provincia de L'Aquila. Fu probabilmente edificato dall’abate Teodino nel...

LUMEN: museo della fotografia a 2.275 metri di quota

Di Barbara Palladino Siamo sulla cima di Plan de Corones, vicino a Brunico (Bolzano). In un luogo incantato come solo la montagna può esserlo, ha...

Teste di moro: leggenda di un amore universale

Di Barbara Palladino Le “teste di moro” sono vasi variopinti, in ceramica, raffiguranti il volto di un uomo o di una donna, con una solenne...